Soffro di disturbi dell’umore e cerco terapeuti a Roma

    Buonasera, scrivo per cercare risposte alle mie molte domande. Dopo anni di continui alti e bassi mi ritrovo da mesi, causa disoccupazione e situazioni varie, a combattere con quella che nella mia famiglia tutti chiamano depressione. In realtà, io non mi sento propriamente depressa, io mi dico invece incerta, confusa, spaesata e molto triste. Sin dall’ adolescenza ho dovuto combattere con me stessa e le mie instabilità ed insicurezze, queste però non hanno limitato le mie esperienze, ho avuto amici, ragazzi, lavori ma sempre a tempo, diciamo che per dei periodi riuscivo a stare bene e dei periodi invece semplicemente sprofondavo, in un sonno apatico incapace di interessarmi al mondo e a me stessa. Dall’ adolescenza ad oggi sono passati vari anni, ora ne ho 31, ma la situazione non è cambiata , semmai peggiorata. Sento sempre la sensazione di avere una specie di timer impostato, nei periodi buoni va tutto bene, a volte pure troppo, ma nei periodi brutti sembra che tutto quello che ho costruito io lo debba necessariamente distruggere, sento come un dovere di autosabotarmi, inizio a sentirmi male con me stessa, a non accettarmi, a non sopportare nulla di quello che mi circonda e sprofondo fino a quando una mattina, non si capisce bene come, riemergo, così dal nulla. Ecco diciamo che mi sono sempre giustificata di questo mio comportamento e dei fallimenti che questo mio atteggiamento portava con una mia incapacità ad essere costante, una pigrizia mentale, una svogliatezza, dentro di me mi sento sempre una bambina viziata che non ha voglia di fare niente e quando non ne può più si rifugia in questa “depressione” per giustificarsi al mondo. Anche in famiglia spesso sono stata etichettata così, anche quando per due volte consecutive, a 14 e 18 anni ho provato a stare in terapia e non l ho portata a termine. A 18, in uno di questi periodi giù sono diventata bulimica ed autolesionista, sono entrata in un vortice nero dove ad ogni mio pensiero negativo che portava sensi di colpa verso i miei genitori mi facevo male, ad un certo punto sono stata scoperta e sono stata portata in terapia ma non ho resistito. Insomma dopo anni in cui ho semi retto questa situazione mi ritrovo adesso a vivere il periodo buio più lungo della mia vita, ormai i momenti buoni durano pochi giorni se non poche ore, per il resto del tempo il mio umore è nero, penso spesso al suicidio come unica soluzione per evitare problemi a me stessa e alla mia famiglia, mi vergogno per tutto quello che non ho fatto, per tutte le cose che ho fatto andare male a causa di queste mie altalene e piango ogni volta che ci penso, l’unica cosa che mi tiene in vita è la possibilità di potermi redimere, di poter essere una persona diversa per me stessa e le persone che mi vogliono bene e che deludo da così tanti anni. Ora pochi giorni fa una mia conoscenza, ascoltando alcuni dei miei commenti in merito a queste cose ha pronunciato una parola per me sconosciuta ma che ha portato un alone di speranza nella mia vita: ciclotimia. Nella lettura che ho fatto rispetto a questa cosa mi ci sono ritrovata così tanto da credere possibile una guarigione. Ecco quindi che cercavo informazioni, vorrei sapere se è possibile che io lo sia, se è possibile guarire, se è possibile trovare una terapia, psicoterapia che mi aiuti ad uscirne. Nel caso invece non fossi ciclotimica c’è comunque la possibilità di smettere di essere come sono e diventare una persona normale? Io sono di Roma quindi sono interessata a trovare un percorso nella mia città.
    Grazie a chiunque avrà la pazienza di leggere e rispondere

    Rispondi
    Avatar photo

    Buonasersa. Alexvaga. Dalla sua descrizione, sembra soffrire di disturbi dell’umore periodici, pertanto è probabile che la sua autodiagnosi sia corretta. Al giorno d’oggi esistono vari metodi per trattare i disturbi dell’umore, sia con la psicoterapia sia con l’ausilio di un trattamento farmacologico mirato. La mia collega Emanuela Venanzoni, collaboratrice del forum, esercita a Roma (zona Eur/ Laurentina). Se lo desidera, provi a contattarla:

    Emanuela Venanzoni – Psicoterapeuta a Roma

    Magari, riucirete a programmare un percorso terapeutico insieme o a stabilire che cosa sia meglio per lei.

    Buona serata!

    Dr.ssa Federica Leva

    Rispondi
Rispondi a: Soffro di disturbi dell’umore e cerco terapeuti a Roma
Le tue informazioni:





<a href="" title="" rel="" target=""> <blockquote cite=""> <code> <pre class=""> <em> <strong> <del datetime="" cite=""> <ins datetime="" cite=""> <ul> <ol start=""> <li> <img src="" border="" alt="" height="" width="">

Rispondi