Lui rifiuta nostro figlio.

    Buonasera.Scrivo queste cose ed ancora non mi capacito di quello che sto per ammettere.
    Mi chiamo Vale, ho 29 anni,un compagno ed un figlio.Una famiglia insomma.
    Dovrei essere felice ma non è così.Tutto è iniziato quando ho scoperto di essere incinta. Ero in cura da un anno perché nonostante rapporti non protetti non rimanevo mai incinta e pensavo di avere gli stessi problemi di mia madre.Il mio compagno mi è stato vicino in quel percorso non mostrando nessun segno di cedimento o dubbi di qualsiasi genere. Nel momento in cui ho scoperto la gravidanza non mi sono posta il problema se lui volesse o meno diventare padre proprio per questi motivi.

    Ho sbagliato! Lui padre non sarebbe mai dovuto diventare. Sin dai primi mesi di gravidanza è diventato un inferno, litigi continui..anche molto violenti. Sono proseguiti anche dopo la nascita e tutt’ora.

    Lui vede suo figlio come un mio tradimento nei suoi confronti.Come se io lo avessi messo da parte senza chiedere il suo parere. Per lui diventare padre è stato come porre fine alla sua vita….che monotona era e tale e rimasta. Non facevamo chissà che di così eccitante, quindi non capisco di cosa senta la mancanza. Il punto è che viviamo con i suoi genitori. Quindi lui è sempre influenzato dai loro pareri, positivi o negativi che siano. La madre, donna perfetta, aveva figli perfetti. Non rumorosi, non troppo vivaci. Merito delle sue punizioni e delle cosiddette “mazzate” per dirla alla napoletana. A me la violenza, seppur magari giustificata, non piace. Mi sa quasi di cattiva educazione. Credo anche che loro siano l’80% della causa di questa crisi Io ormai sono frustrata da anni di convivenza con queste due persone così lontane da come sono io. Ora, con il fatto che anche lui sta diventando un estraneo , io non so più che fare.
    Litighiamo per ogni cosa, ed in ogni litigio rinfaccia che è colpa mia e del figlio. Lui è stanco perché DEVE lavorare…e Deve farlo per camparci. Che se potesse rimarrebbe da solo.In un monolocale, senza nessuno..allora si che si godrebbe la vita. Ed io, da codarda ..o forse semplicemente da mamma che pensa anche a dare un padre al figlio.. rimango qui, sempre.
    A volte mi chiedo se ne valga la pena. Se è giusto vivere 5 giorni su 7 di litigi e incomprensioni, solo per non togliere il “padre” a mio figlio.
    Il bimbo ha due anni e mezzo e non parla ancora.Dice solo mamma e qualche altra parolina. Mi chiedo se questo clima non ne sia la causa principale. E mi chiedo se ci sia modo di riparare a tutto ciò.
    Forse un po’  d’amore è rimasto. D’altronde, nel momento in cui stiamo per lasciarci non riusciamo mai a farlo….. Ma non ho più 20 anni e non posso giocare al tira e molla con un figlio da crescere.
    Cosa mi consiglia.

    Sono letteralmente disperata e persa!!

    Rispondi
Rispondi a: Lui rifiuta nostro figlio.
Le tue informazioni:





<a href="" title="" rel="" target=""> <blockquote cite=""> <code> <pre class=""> <em> <strong> <del datetime="" cite=""> <ins datetime="" cite=""> <ul> <ol start=""> <li> <img src="" border="" alt="" height="" width="">

Rispondi