Per mia “suocera” sono una minaccia

    Senza Risposta

    Salve, innanzitutto grazie per l’attenzione, e spero avrete pazienza nel leggere il post e darmi una soluzione. Sono fidanzato da due anni con un ragazzo splendido, ma purtroppo il fato non ha voluto che avessi una suocera perfetta. È da qualche mese, che lei è convinta che io tradisca il mio fidanzato con un nostro amico, focalizzandosi su social come Facebook e whatsapp, e spiando gli ultimi accessi o lo stato online. Il problema non si limita a questo, lei

    aggredisce il figlio, spesso alzando le mani, cercando di costringerlo a lasciarmi o ad abbandonare il nostro amico. Alterna giorni sereni e felici, a giorni d’inferno e crisi isteriche. In passato, ha sempre cercato di costringere suo figlio a fare ciò che lei voleva, e lui spesso accontentava, fino a quando ha conosciuto me.

    Io non so come comportarmi né cosa fare per cercare di risolvere la situazione, prima andavo a dormire spesso lì, ma ora quella casa è diventata per me luogo rosso. Agli inizi, quando la situazione era ancora controllabile, cercavo di farla ragionare e di farle capire la verità. Pian piano che tutto peggiorava però, ho iniziato a risponderle a tono e, ahimè, utilizzando parole anche pesanti.
    Durante questi mesi ha idealizzato le varianti più pazze, arrivando ad odorare la mia biancheria sporca e accusandomi così di avere avuto rapporti in cam con questo amico, mentre il mio ragazzo dormiva. Ho un carattere abbastanza forte, e quindi per ora riesco a tollerare tutto, nonostante tanta rabbia cresca giorno dopo giorno. Il problema è il mio ragazzo, perché credo lo stia conducendo sull’orlo di un esaurimento. Anche la nostra relazione ne sta risentendo, e non pochissimo, visto che qualsiasi aspetto della nostra vita sentimentale si è ridotto quasi a un nonnulla.
    Vi chiedo aiuto, un semplice consulto per cercare di capire come agire. Leggendo alcuni referti, sospetto che lei soffra di disturbo bipolare, visto che alterna queste fasi maniacali a fasi depressive. Anche nel passato. Dicono lei sia stata spesso così. La mia è anche una richiesta di consenso, perché spero davvero che il suo comportamento derivi da una malattia, e non dalla sua cattiveria immane.
    Vi ringrazio anticipatamente.

    Rispondi
    Avatar photo

    Gentile utente,
    Non credo sia etico fare una diagnosi via web senza conoscere sua suocera dal vivo… Quindi diagnosi esclusa… Comunque non credo che a parte una sensazione iniziale di comprensione etichettarla in un modo o nell’altro le darebbe sollievo o l’aiuterebbe nel trovare una soluzione…
    Capisco la situazione di frustrazione ed impotenza che sta vivendo mentre viene aggredita e attaccata in questo modo e me ne dispiace… I rapporti a due sono giá tanto complessi senza inserirvi necessariamente un altro soggetto disfunzionale e capisco quanto questi meccanismi possano incidere anche su di voi e su come portate avanti il vostro rapporto… Purtroppo la sua unica soluzione credo sia sostenere il suo ragazzo, solo lui può e deve mettersi contro le credenze materne per il vostro bene…
    Fatevi forza e cercate di allontanarvi presto da casa per costruirvi una vita serena per conto vostro… Ci tenga informati!
    In bocca al lupo
    Dott.ssa Federica Serafini

    Rispondi
Rispondi a: Per mia “suocera” sono una minaccia
Le tue informazioni:





<a href="" title="" rel="" target=""> <blockquote cite=""> <code> <pre class=""> <em> <strong> <del datetime="" cite=""> <ins datetime="" cite=""> <ul> <ol start=""> <li> <img src="" border="" alt="" height="" width="">

Rispondi