Lei è indecisa e io non so che cosa fare

    Ciao a tutti,
    mi rivolgo a voi sperando di trovare una soluzione al mio caso. Vivo all’estero e circa 10 mesi fa ho iniziato a lavorare in un’azienda dove ho conosciuto una collega italiana. Con lei e con altri ragazzi siamo spesso usciti insieme nel weekend e con lei e’ iniziato un rapporto di amicizia. A maggio ho dovuto cambiare casa, e lei mi ha proposto di andare a vivere a casa sua, dato che un suo coinquilino aveva appena lasciato la stanza. Ho quindi deciso di trasferirmi li’ perche’ la casa in questione era piu’ vicina al lavoro. Durante il primo periodo lei e’ stata molto distaccata nei miei confronti, essendo una persona molto timida, introversa e che non da facilmente confidenza alle persone. Con il passare dei mesi il rapporto tra me e lei e’ diventato molto intimo. Ci siamo avvicinati tantissimo finche’ ad ottobre ci siamo baciati per la prima volta. A luglio ho cambiato lavoro, e da luglio a questa parte sto viaggiando per circa 3 ore al giorno pur di stare con lei, anche perche’ a breve cambieremo casa insieme e andremo a vivere a meta’ strada tra l’azienda in cui lavora lei e quella in cui attualmente lavoro io.
    Insomma dicevo del bacio, dopo quel bacio il rapporto tra me e lei e’ diventato molto piu’ intimo, siamo come fratelli e passiamo tanto tempo insieme. La sera non vedo l’ora di arrivare a casa e lei e’ li’ che mi aspetta per cenare insieme e scambiare due chiacchiere (o effusioni).
    Il problema e’ che io sono follemente innamorato di lei e lei e’ confusa, indecisa se mi vede come un amico o come un qualcosa in piu’. In questi ultimi tempi sto soffrendo tanto perche’ lei mi continua a tenere sulle spine con la sua indecisione. Spesso si avvicina a me, mi abbraccia, mi bacia, passiamo ore nel letto insieme ma poi il giorno dopo come se nulla fosse fa la distaccata e mi dice che mi vede come un amico. Io sto cercando di essere paziente, di dimostrarle che nonostante la sua indecisione io sono li’ per lei e sono disposto ad aspettarla, pero’ a volte mi capita di sbottare.

    La scorsa settimana in particolare, dopo aver notato la sua indifferenza nei miei confronti, le ho detto che e’ l’equivalente del maschio stronzo e puttaniere, che non voglio più considerarla come amica, che passa del tempo con me solo perché non ha altri amici ed è arrogante e presuntuosa.

    Ero in un momento di rabbia ed ero molto stanco, lei ci e’ rimasta male tanto che si e’ messa a piangere e il giorno dopo, quando abbiamo chiarito e sono ricominciate le effusioni, ha detto che deve riflettere e questo mio comportamento non fa altro che farle fare passi indietro. Ha detto che mi vuole bene, che e’ fatta cosi’ ed ha paura per il fatto che io soffra per lei. Lo scorso weekend e’ tornata in Italia e io sono rimasto ancora qui, e prima di partire mi ha detto che sicuramente in questi giorni di distacco le manchero’ tantissimo. Da li’ baci e abbracci e sguardi tristi (proprio come i fidanzati). Ora che e’ in Italia ci stiamo sentendo pochissimo, a me manca da morire, il fatto di tornare a casa e non vederla e non parlare con lei mi fa stare male. Sto cercando di farmi sentire il minimo possibile, meno di una volta al giorno, proprio perche’ vorrei che utilizzasse questi giorni in cui sta distaccata per riflettere meglio su come mi vede (dato che anche lei mi ha detto un mesetto fa che ha bisogno di stare da sola per capire se mi vede come un fidanzato o come un amico). Anche lei si fa sentire pochissimo, e l’unica cosa che mi ha detto e’ che in questi giorni sta uscendo e facendo tardi tutte le sere. Nulla di piu’.
    La situazione e’ in una fase di stallo da mesi e io sto soffrendo tanto, perche’ vorrei delle certezze da lei e in cambio ho solo indecisioni e punti interrogativi. Ho una paura innata che dopo questo periodo di distacco, in cui sicuramente l’equilibrio che si e’ creato tra noi si modifichera’, la prima cosa che mi dira’ e’ che ci ha riflettuto e che mi vede solo come un amico.
    A me lei piace tanto perche’ e’ una persona molto riservata, ha avuto pochissime storie e forse per questo vuole andare con i piedi di piombo, anche se sa che io sono diverso dagli altri, la rispetto e le voglio un mare di bene. Ho solo paura di farmi molto male, e di ricevere il cosiddetto due di picche dopo tutti questi mesi passati insieme.
    Il consiglio che cerco e’: cosa fare? Staccarmi da lei (mi sarebbe difficilissimo), continuare ad aspettarla standole accanto (con il rischio di protrarre questa situazione all’infinito)
    Aspetto una vostra opinione, ne sarei davvero grato.
    Grazie

    Rispondi
    Avatar photo

    Gentile Fra_nce
    Mi dispiace per il tempo che ha atteso, soero che questa ragazza sia rientrata e che finalmente il vistro rapporto sia decollato….
    Se così non fosse, io non so dirle cosa sarebbe meglio fare, non possono esistere delle opinioni psicologiche su questo, so dirle cosa farei io….
    Io mi distaccherei, effettivamente la lontananza è l’unico modo in cui si possono capire sentimenti altrimenti confusi….
    Mi auguro che questa ragazza si lasci andare…
    Dott.ssa Federica Serafini

    Rispondi
Rispondi a: Lei è indecisa e io non so che cosa fare
Le tue informazioni:





<a href="" title="" rel="" target=""> <blockquote cite=""> <code> <pre class=""> <em> <strong> <del datetime="" cite=""> <ins datetime="" cite=""> <ul> <ol start=""> <li> <img src="" border="" alt="" height="" width="">

Rispondi