Buonasera.a distanza di diversi mesi rispondo alle vostre risposte.da tali vostre dichiarazioni (forse perché non mi sono spiegato io al meglio) il problema non è tanto il problema di coppia, ma l’atteggiamento che ha lei difronte A TUTTE LE PERSONE.DAVANTI QUASI DI REMISSIONE SENZA PARLARE, FACENDO LA PARTE DELLA PERSONA PIÙ DEBOLE E FRAGILE DI QUESTO MONDO, APPENA DISTACCATA GIÙ A PARLARE MOLTO MALE GIUDICANDOLE IN MODO PESANTEMENTE, CHE IO ANCHE SE NON IL DIRETTO INTERESSATO MI DANNO MOLTO FASTIDIO.INSOMMA OPINIONI OSSESSIVE E FOBIE DI PARLARE MALE SEMPRE DI TUTTI. NON CREDO CHE ESISTA UNA TALE PATOLOGIA EVIDENTEMENTE C’E’ ALTRO, DIETRO.VOI AVETE CITATO SOLO ME COME RESPONSABILE DI TALE AZIONI. CONCORDO CON VOI IL FATTO DI AVER CITATO LA TERAPIA DI COPPIA. MI METTO SEMPRE A DISPOSIZIONE E IN MEZZO COME PRIMA PERSONA.PERÒ MI RIVOLGO A VOI ANALISTI CHE VOI LE STUDIATE SUI LIBRI LE PATOLOGIE DI OGNI DISTURBO, MA VIVERLE DA CONIUGE O FAMILIARE STRETTO E TUTTA UN’ALTRA COSA.SI VEDONO COMPORTAMENTI CARATTERIALI E ALLO STESSO TEMPO IL DISTURBO. DA DIVERSI MESI È IN CURA DA UN EQUIPE DI SPECIALISTI MOLTO BRAVI, CHE NON DANNO COLPA SUBITO AL MARITO O AL PASSATO MA VANNO A CAPIRE LA PERSONA CAPENDO CHE IL DISTURBO C’È SÌ MA DICIAMO MARGINALE. MA C’È ANCHE MOLTO RANCORE SOPPRESSO CHE VIENE FUORI QUASI PER VENDICARSI CON LE PERSONE CHE NON C’ENTRANO NIENTE.QUINDI DA VITTIME PASSANO CARNEFICI…..SALUTI.