Avatar photo

Gentile Ego, leggendo la sua mail mi sono immaginata la non serenità rispetto questo tema che per noi donne è così talvolta delicato e controverso sopratutto alla luce di come in qualche maniera è mutata la società e forse la linea dei tempi rispetto alle nostre personali realizzazioni.

Io non parlarei di cosa c’è di sbagliato, ma forse mi inizierei, come già sta facendo, come mai una scelta di questo tipo, laddove avvenisse, suscita in lei tante preoccupazioni e tanti dubbi.

La scelta di essere genitori è una scelta importante che muta gli equilibri personali e della coppia che oltre il piano della relazione a due, dovrà successivamente considerare il piano genitoriale e della relaizone a tre e questo può comportare un pò di timore, spavento e magari un ritiro, talvolta temporaneo, rispetto a questo tipo di scelta.

In questo frangente è dfficile dire cosa sia la cosa migliore per lei, io le suggerisco come già aveva accennato all’inizio dela sua mail, di prendere in considerazione l’idea di consultare uno specialista che possa accompagnarla in questa scoperta di sè per lavorare insieme su cosa potrebbe significare per lei diventare eventualmente madre.

Prenda in considerazione l’idea anche di condividere tutto questo con suo marito che credo possa essere per lei di supporto, magari anche andare insieme per condividere la scelta che da tutto questo ne verrà fuori che per quanto sia individuale avrà in qualsiasi caso ripercussioni sulla coppia.

Ci tenga aggiornati.

Un caro saluto.

Dott.ssa Emanuela Venanzoni.