Avatar photo

Gentile utente,
Mi scuso per il ritardo della risposta e spero che lei abbia provveduto a parlarne con una collega….
Se lei si è sentita in qualche modo “violata” è comunque una violenza, come anche il coltello poggiato sul cruscotto senza un’esplicito ricatto o richiesta…. Lei sapeva cosa era andata a fare e se lui ha in qualche modo usato e abusato della sua giovane etá e della sua inesperienza rimane una violenza anche dopo 16 anni… Credo sia opportuno parlarne e passare oltre, forse ora è successo qualcosa che emotivamente l’ha riportata a galla, fatto sta che ogni nodo necessita di essere sciolto e dopo l’iniziale dolore relativo alla consapevolezza si scopre che l’equilibrio di prima era solo una maschera… Si era come un leone in gabbia…. La tranquillitá è apparente, si ha bisogno di chiarezza nella vita!
La terapia è un’esperienza forte, le auguro di trovare la persona giusta che possa accogliere le sue lacrime, i suoi silensi e la sua confusione per accompagnarla nella meritata serenitá….
Dott.ssa Federica Serafini