Avatar photo

Cara Francesca, mi spiace che sia passato dal tempo da quando ci ha contattata e mi auguro che nel frattempo ci sia stato qualche cambiamento nella situazione che ci aveva descritto.

Non è facile a volte pensare o effettuare una separazione da qualcuno al quale vogliamo bene o siamo innamorati, ma in una relazione nel momento in cui una delle due persone coinvolte non sente benessere e vive una situazione di disagio, credo che si debba fare con attenzione delle domande ed interrogarsi se questo è davvero quello che vuole.

Credo sia non ammissibile che all’interno del sistema coppia, ma questo lo credo in qualsiasi relazione, che ci sia uno dei due che tratti l’altro senza rispetto e senza condivisione di intenti. Questo a lungo andare può essere frustrante e non rafforza il legame, ma al contrario lo va ad intaccare nelle sue radici più profonde.
E’ vero che la coppia può attraversare delle crisi delle quali credo sia sempre un bene parlare e confrontarsi insieme e questo dalla sua mail non mi arriva e questo può essere comunque una prima cosa da fare oltre il pensiero della separazione.

E se questo confronto e questo raccontare al suo compagno che lei non sta bene, che si trova nel totale disagio all’interno della coppia non ha dall’altra parte quanto meno un esito di comprensione e di voglia di cambiare e modulare il rapporto insieme, credo che debba iniziare ad entrare nell’ottica che forse questa relazione va rivista o eventualemente troncata.

So che non è semplice sopratutto alla luce di quanto scrive, ma credo che laddove non ci sia un punto di incontro è un’ipotesi da dover tener presente con attenzione per il suo benessere, in quanto tutto ciò può nel tempo toglierle energia e di conseguenza procurarle un ulteriore disagio.
E se sente che è troppo difficile per lei farlo da sola, può pensare di farsi accompagnare da uno specialista che possa starle accanmto e farle elaborare tutte le fasi che questo passaggio può comportare nella sua vita.

Ci tenga informati, un caro saluto.

Dott.ssa Emanuela Venanzoni.