Avatar photo

Caro Luca,

Il suo rapporto intenso e, come lei stesso definisce, simbiotico con sua madre di certo avrebbe bisogno di essere sviscerato ed approfondito in una sede diversa da questa. A tal proposito le consiglio di avvalersi, vista anche la sua volontá di fare chiarezza, di un collega che possa seguirla e conoscerla approfonditamente, magari presso la sua asl di zona, dove potrebbe ricevere sostegno gratuitamente.

Cosa dire di più. Io credo che nasciamo e cresciamo prima vittime e poi protagonisti di quanto le persone a noi care e il nostro contesto di appartenenza ci propone/impone per essere accettati. In questa situazione impariamo cose basilari dai nostri adulti di riferimento e tra queste cose anche dei modelli di bellezza. Mi chiedo: e se la sua attrazione per sua madre fosse semplicemente un canone che lei ha fatto suo e da cui non riesce a scostarsi?
Lei non menziona un padre che intorno ai 3 anni avrebbe dovuto coinvolgerla “staccandola” se cosî si può dire da sua madre.

Spero che le mie riflessioni le siano da sprone….

Dott.ssa Federica Serafini
Psicologa/Psicoterapeuta