Avatar photo

Cara Allegra13,

da quello che scrive non è stato di sicuro un momento semplice e mi immagino che, sia da un punto di vista fisico, sia emotivo che psicologico, non facile da affrontare.

Quando ci capita un disagio fisico, molto spesso ci si sente impauriti e, se non supportati, nell’avere delucidazioni per ciò che concerne la diagnosi e l’eventuale strada da seguire, si possono verificare veri e propri momenti di panico associati a fenomeni di impotenza per non sapere come affrontare la situazione.

In alcune situazioni si ha difficoltà a restare diciamo lucidi e razionali sopratutto quando riguardano condizioni di salute, poichè ci si sente molto vulnerabili, e nonostante la piena risoluzione, sono episodi che possono lasciare nel breve tempo successivo qualche segno di disagio e di malessere.
Da quello che leggevo notavo che sua madre le è stata accanto nella ripresa fisica, anche se questa sensazione di malessere e di ansia non sembra che stia diminuendo e forse potrebbe essere utile non tanto rimurginare ogni giorno sul perchè accade, poichè questo può paradossalmente non avere comunque l’effetto sperato, ma se queste sensazioni continuano, provare a rivolgersi ad uno specialista.

Lei come scriveva, prima presentava già manifestazioni di ansia e di timore rispetto a tutto ciò che poteva comprendere gli aspetti della sua salute e queste paure o timori se non affrontati possono nel tempo provocare ulteriori disagi.

Provi a vedere nel tempo se queste sensazioni diminuiscono ed anche a porre attenzione a quando tutto ciò succede, se durante un particolare momento della giornata ed in che condizione emotiva si trova in quel momento, ma se tutto ciò ha difficoltà a diminuire le suggerisco di consultare uno specialista con il quale iniziare a raccontare ciò che le sta capitando in questo momento, in maniera da poterci lavotrare insieme e ritrovare nel tempo la serenità e lasciare sempre più da parte le paure.

Un caro saluto e ci tenga aggiornati.

Dott.ssa Emanuela Venanzoni.