Avatar photo

Buongiorno!
No, non credo che si possa definire rigorosamente asessuato. L’asessualità si definisce come la mancanza di attrazione sessuale e l’assenza di interesse o desiderio per il sesso. lei ha interesse per le ragazze, mi sembra, ma ha timore dell’atto sessuale. Dice di temere di non esserne all’altezza, non di non desiderarlo. Cerca l’appagamento personale perchè è tranquillo e sicuro, non le genera angoscia. Durante la ricerca del piacere solitario, nessuno la può giudicare. Temo che sia il timore di essere valutato e deriso a frenarla, nei rapporti con le ragazze.
Non è tenuto a raccontare di questa sua difficoltà a una ragazza conosciuto da poco. Si tratta di una confidenza intima, che rimanderei a un momento in cui sentisse di potersi fidare appieno dell’altra persona. Se gli amici dovessero chiederle di esperienze passata, può sempre dire che non ama parlare di certi aspetti della sua vita e che ha un tale rispetto per il sesso – e quindi delle persone coinvolte -, da non volerlo infangare parlandone ai quattro venti come se si trattasse di qualcosa di poco conto. Se insistessero, le ignori. Nessuno può costringerla a farle affrontare discorsi che, in questo momento, le danno fastidio.
Per risolvere il problema le suggerirei di rivolgersi a un terapeuta. Se c’è un blocco che risale alla sua giovinezza, sarebbe una buona cosa rimuoverlo o quanto meno smussarlo. Non posso rispondere in modo definitivo all’ultima domanda, ma le premesse non mi sembrano drammatiche. Ci lavori su con uno specialista e… in bocca al lupo!
Buona giornata