Federico Baranzini - Psichiatra Psicoanalista Milano

Cara Barbara,

la sensazione che lei descrive, per come la descrive, potrebbe assomigliare a quelle situazioni note con il nome di derealizzazione e depersonalizzazione. Sono stati di alterazione dissociativa in cui vi è un’alterata percezione di sè e dell’ambiente compresi gli altri, in cui ciò che è noto perde la connotazione di familiarità.

La schizofrenia è ben altra cosa e si associa anche ad altri sintomi maggiori. Spesso invece i disturbi di cui sopra sono molto diffusi e comuni tra i giovani e in generale le persone molto ansiose. L’ansia infatti può alterare e minacciare a tal punto la psiche umana da indurre stati difensivi di tal specie.

Le consiglio vivamente di rivolgersi ad un altro psichiatra per definire meglio la diagnosi, esserne correttamente informata e sentirsi coinvolta pro-attivamente nelle cure (questi disturbi sono assolutamente curabili con ottimi risultati) e quindi di valutare la possibilità di farsi supportare psicologicamente ed emotivamente da uno psicologo.

Cordiali saluti

Federico Baranzini