Avatar photo

Cara Martina, mi spiace di poterle dare una risposta soltanto dopo un pò di tempo, mi auguro che nel frattempo ci siano state delle novità nella sua vita, e che quella sensazione di malessere possa essersi in qualche maniera un minimo assopita.

Da quello che scrive ci sono molti vissuti che possono in una giovane donna che deve ancora costruirsi un futuro, avere un’incidenza sullo stato del proprio umore o su alcune modalità su come raggiungere questi obiettivi.
E forse è proprio questa ultima cosa sulla quale Martina mi volevo un attimo soffermare con lei è come se ci fossero degli ostacoli, alcuni oggettivi, ma altri emotivi e psicologici che la stanno bloccando e tirando indietro producendo malessere e panico nel momento in cui vuole cercare di emergere e di iniziare un percorso di costruzione della sua vita e magari esprimere tutta sè stessa.

Mi colpisce in maniera bella di quanto per lei sia nutriente il percorso artistico che ha poi intrapreso e che la rende serena o che comunque le fa avere delle soddisfazioni.
Credo che sarebbe utile per lei pensare in maniera costruttiva ad un eventuale percorso psicologico, mi rendo conto da professionista che a volte non è semplice da portare avanti sia da un punto di vista di tempo ed economico, ma credo altresì che l’investimento che si fa su sè stessi nel tempo possa sbloccare e far comprendere tante cose che ci possono rendere la vita più complicata da vivere.

A volte già si hanno le soluzioni, ma l’aiuto di un esperto può in alcuni casi rendere il percorso più fluido, e credo che poi si possano aprire da soli molti spunti di riflessione sui proprio vissuti.

Ci sono molte realtà territoriali e molti terapeuti con i quali instaurare un buon progetto terapeutico sia da un punto di vista di obiettivi, ma anche economico che forse andrebbero prese in considerazione.

Ha delle belle idee ed un progetto più o meno definito che credo sarebbe un peccato non lavoraci un pò su e non trovare qual’è la strada più giusta per lei per poterla intraprendere!.

Un caro saluto,

Dott.ssa Emanuela Venanzoni.