Avatar photo

Cara amica, ci sarebbero molte cose da dire, ma la prima è senz’altro questa: non sentirti in dovere di fare alcun coming out, soprattutto se non sei convinta d’aver raggiunto un orientamento sessuale ben preciso. Ora va molto di moda far dichiarazioni sulle proprie preferenze di genere, ma non c’è alcun motivo per cui tu debba farlo. Qualunque sia la tua inclinazione, al mondo non deve interessare. Il mondo la conoscerà solo quando la vorrai esprimere, scegliendo di vivere una storia con un uomo o con una donna. Quando capirai la tua sessualità? È semplice, quando ti innamorerai spontaneamente. Non quando prenderai una semplice cotta o proverai la prima emozione della tua vita sfiorando le labbra di qualcuno. La prima cotta potrebbe essere fuorviante. Saprai di essere lesbica o bisex quando incontrerai qualcuno che ti farà star bene, vorrai rivederlo/a, sentirlo/a ridere, sapere che esiste ed è felice. Potrà essere dapprima un ragazzo e la seconda volta una ragazza, o viceversa, oppure ti accorgerai di preferire sin dall’inizio un sesso rispetto a un altro. Non cercare di cucirti addosso un’etichetta e lasciati tutto il tempo necessario per conoscerti fino in fondo e per capire chi vuoi avere accanto, nella vita. Anche per questo ti consiglio di non esporti subito con un coming out immaturo. Non deve essere tua cugina a stabilire il tuo orientamento sessuale; devi essere tu a capirlo e ad accettarlo. Senza dubbi e imbarazzi.

“Molti mi diranno di provare a stare con una ragazza ma non c’è nessuna che mi piace”

Sarebbe un consiglio sciocco. Perdona la schiettezza, ma non si “sta” con qualcuno per testare i propri gusti. Sarebbe irrispettoso nei confronti di se stessi e si rischierebbe di giocare con i sentimenti di un’altra persona. Nessuno dovrebbe essere usato come cavia per i nostri dubbi, in nessuna circostanza. Se un giorno ti innamorerai di una ragazza, la sceglierai come tua compagna e, se lei vorrà, vivrete insieme una storia d’amore. Non è preferibile a una relazione forzata, dove trascorreresti il tuo tempo ad analizzare i tuoi gesti e i tuoi sentimenti? Quando si ama, si ama, non c’è nulla da studiare. La risposta giunge da sola, forte e inequivocabile.

“Andando in giro in questo sito ho notato che è normale anche per molte etero di eccitarsi con cose del genere o fare fantasie con donne”

È vero. Moltissime donne si eccitano guardando altre due donne amoreggiare, perché si immedesimano in entrambe e provano emozioni molti forti, nell’immaginare di vivere alcune scene piccanti, ma tenere – spesso, invece, nelle scene etero la donna viene sbattuta qua e là, e alla fine prova piacere solo l’uomo.

“Riguardo al mio non-coinvolgimento nel vedere un pene forse è semplicemente perché non sono ancora matura mentalmente per eccitarmici, ma allora perché lo sono per i rapporti tra ragazze? “

Forse sei semplicemente spaventata e confusa. Hai deciso che devi stabilire che cosa sei, e non riesci a rilassarti e a vivere le tue relazioni in modo spontaneo.

“sono pronta ad accettare qualunque sia il mio orientamento sessuale, mi andrebbe bene essere lesbica come mi andrebbe bene essere asessuale, pansessuale o qualunque altra cosa.”

Questo è quello che conta. Accettarsi senza colpevolizzarsi, né scegliere uno schieramento in cui stare – nemmeno fossimo in guerra! Ricorda che non è la preferenza sessuale a rendere una persona degna d’essere frequentata. I valori umani sono ben altri, e se una persona è piacevole, onesta e dignitosa, che importanza ha se è insieme a un uomo o a una donna?
Ora rilassati e lascia che siano le reazioni istintive del tuo corpo e del tuo cuore a rivelarti chi sei. E anche allora, permetti alle tue emozioni di venire a te e di esprimersi senza vincoli. Accetta anche qualche eventuale e transitorio spostamento di interesse. Anche questo ti servirà a conoscerti meglio e a rafforzare le tue “scelte future”.
A presto, e buona serata
Dr.ssa Federica Leva