Avatar photo

Gentile OnlyVale buonasera,
leggendo la domanda che ci ha rivolto mi veniva in mente che sopratutto nell’ambito di una relazione affettiva non esistono molte volte delle risposte oggettive da poter dare, ma forse alcune considerazioni da fare insieme.

E’una relazione da quello che scrive consolidata e che ha delle fondamenta affettive e profonde, ma è anche nata e cresciuta comunque in un momento di maturazione sia affettivo che psicologico che potrebbe essere stato nel tempo diverso per ognuno di voi, non è infrequente infatti che a volte all’interno della coppia uno dei due possa avere un desiderio molto più spiccato di una costruzione, di un “arrivo” ad una meta, mentre l’altro fa ancora fatica a prenderne davvero consapevolezza, magari con atti pratici e slanci di iniziativa.

Credo che la cosa importante sia non farsi prendere subito da ansie e paure che potrebbero soltanto, se portate troppo all’estremo, magari nel chiedere continuamente quando si farà questa cosa in che tempi ecc, potrebbero a lungo andare creare comunque disagio alla coppia.

La decisione di un’eventuale convivenza e/o matrimonio fanno parte di un percorso di coppia fatto a volte di attese e di mediazioni nel tempo, significa comunque modificare le proprie abitudini, i propri vissuti quotidiani e non sempre in alcuni momenti della vita si è da subito allineati nella scelta, questo però non significa che ciò non possa succedere, talvolta è solo questione di attendere che entrambi i menbri della coppia siano in armonia.

Magari concedetevi un altro pò di tempo, ma nel frattempo si inizi anche lei a chiedere quali siano davvero i suoi bisogni e se nel tempo possano davvero coincidere con quelli del suo compagno, come dicevo prima la relazione è fatta di mediazione anche nello smussare determinati atteggiamenti e quindi sarebbe comunque impensabile che tutto ciò debba avvenire soltanto dalla sua parte.

Mi colpisce però l’aspetto dell’inadeguatezza e di questa sensazione di vuoto che ha provato nel vedere un’altra coppia, sono sensazioni e vissuti importanti che credo la possano nel tempo far riflettere se tutto questo rappresenta davvero tutto ciò che desidera per lei e per il suo futuro, sentirsi come una donna inadeguata a volte non è un buon punto di partenza in una coppia perchè il rischio è che questo possa andare a toccare su altri aspetti della sua vita.

Per questo prima di ogni altra decisione, si prenda un pò di tempo per lei e per identificare meglio cosa vuole e cosa sente in questa relazione e forse anche per lavorare un pò su questa sensazione che è lei che non va bene, magari anche attraverso un piccolo percorso per centrarsi un pò di più su quello che desidera davvero per sè stessa.

Un caro saluto,

Dott.ssa Emanuela Venanzoni.