Federico Baranzini - Psichiatra Psicoanalista Milano

Buongiorno Daphlyn

la situazione che descrive pare progredire verso un crescendo di tensione e aggressività e potrebbe divenire non più gestibile e pericolosamente instabile.

Vi consiglierei diagiresu più fronti:
1-alleviare la tensione in casa, cercando di evitare di irritare sua sorella o creare nuovi dissidi
2-avvicinare sua sorella con un approccio teso a capire e comprendere cosa le accade, iniziando a lasciar intendere la vostra preoccupazione per il suo stato e il suo futuro
3-trovare uno psichiatra disposto a visitare vostra sorella e che sia disponibile a relazionare per iscritto producendo un documento clinico su quanto osservato e diagnosticato
4-chiedere un appuntamento presso il Centro Psico Sociale più vicino a casa vostra, portando la relazione dello specialista chiedendo di prendere atto della situazione (esplosiva?) e di programmare una visita domiciliare finalizzata se necessario al ricovero anche in regime di TSO ovvero trattamento sanitario obbligatorio
5-iniziare a pensare al dopo ricovero e quindi con l’aiuto del CPS identificare una comunità terapeutica dove poter inviare sua sorella per un percorso riabilitativo

Questi sono i passi essenziali, non facili certamente, ma necessari.
A Varese le posso segnalare diversi psichiatri sia nel privato che nel pubblico, ma forse è meglio se mi contatta in privato tramite il mio profilo che trova anche su questo sito.

Cordiali saluti
Federico Baranzini