Federico Baranzini - Psichiatra Psicoanalista Milano

Buongiorno,

mi colpisce il fatto che come prima cosa che “va bene” abbia citato il rapporto con la famiglia della sua fidanzata… Ma con chi si sposa lei con la fidanzata o con i suoceri? Sembra una battuta provocatoria, ma non lo è: ma è sicuro di non essere eccessivamente proteso a compiacere gli altri e quindi la sua ragazza anche attraverso la compiacenza della famiglia d’origine? Voglio dire, non le è mai capitato di interrogarsi sul suo timore di essere rifiutato e di cosa potrebbe arrivare a fare o forse si potrebbe dire a “sopportare” pur di tenere a sè l’oggetto del suo amore?

Secondariamente, ma se c’è qualche cosa che non le piace o non le va bene (non avere rapporti sessuali con la persona che ama) perchè non parlarne direttamente con l’interessato invece di scriverne su un forum? Ma che tipo di comunicazione affettiva intrattiene con il suo partner? Dove sta il suo vero sè?

Cordiali saluti

Federico Baranzini