Avatar photo

Caro Climb92,
da quello che tu scrivi mi viene in mente che c’è una parte di te che appunto desidera fare nuove conoscenze, affacciarsi al mondo ed intraprendere una relazione con una ragazza e fare le proprie esperienze, ma dall’altra leggendo quello che scrivi mi arriva una forte paura di entrare in contatto con l’altro, in particolare con il mondo femminile e la strategia è quella poi di “fuggire” ed in qualche maniera di nascondersi da tutto ciò che possa comportare uno scoprirsi , un rendere esplicito quello che sei davvero.

Mi colpiva anche di quanto  il contesto ti possa più o meno mettere a tuo agio, infatti il campo familiare ti rende sicuro e ti lascia esprimere per quello che sei, mentre un campo non familiare è come se bloccasse questa energia nell’andare verso l’altro.

Non è semplice in un contesto come questo dare input o soluzioni di pronto uso in quanto credo che queste difficoltà di entrare in relazione e di modalità più tendenti ad una, probabile ma anche sana fuga da questo, ( a volte la fuga può essere un indice di qualcosa che va visto un pò più nel profondo! )vadano un pò più affrontate e magari comprese all’interno di un breve percorso con uno specialista ma, non perchè come hai scritto, tu abbia dei problemi o che tua sia sbagliato, ma può essere utile in un momento di crescita, farti eventualmente accompagnare per incanalare questa energia volta al contatto verso quest’ultimo e non farla disperdere facendoti in qualche modo tornare indietro non incontrando l’Altro.

Un caro saluto,

Dott.ssa Emanuela Venanzoni.