Federico Baranzini - Psichiatra Psicoanalista Milano

Cara Sophia,

otto anni sono un periodo lunghissimo alla sua età. E spesso relazioni così durature, dopo tanti anni, o “scoppiano” o vanno a concretizzarsi in altro, evolvono. E la sua non sembra farlo, ma non so dire per quale motivo.

Da quello che racconta non posso certo esprimermi su cosa stia capitando con questa cognata, ovvero darle ragione sulla teoria del “complotto” (termine che uso io) contro di lei per annullarla, ma posso farle notare quanto mi pare trapeli dal suo breve racconto sulla qualità del rapporto che lei intrattiene con il suo ragazzo: una relazione che sembra vivere con vissuti di forte dipendenza affettiva e che la porta ad annullarsi per salvaguardare la relazione stessa e allontanare le sue paure (forse) di essere lasciata. Il ragazzo che lei descrive non pare un ‘ragazzo’, pare un “fantasma”, un fantoccio che lei stessa tiene in vita con il suo sottomettersi / sacrificarsi.

Si, provi a cercare supporto da uno specialista, ma non per la cognata ma per capire che cosa desidera e cosa teme nella vita.

Cari saluti