Avatar photo

Buonasera!

Mi chiarisca alcuni passaggi che non ho ben compreso. Lei scrive che inizialmente i suoi genitori hanno appoggiato le accuse di sua cognata. Adesso da quale parte sono schierati? Da quanto ha aggiunto in seguito, ho presunto che tuttora prendano le difese del suo quasi ex marito, incolpando lei della fine del vostro matrimonio. E quando dice:

 sono arrivati a dire a mio figlio che quando lui è col papà io esco con un amico”

si riferisce ai suoi genitori?

Ora, la situazione con sua madre era chiara e lei stessa aveva preso una posizione risolutiva: chiudere i rapporti con lei. Sua madre – parto dal presupposto che lei mi racconti la verità – è una donna verosimilmente frustrata e insoddisfatta, forse da se stessa e dalla sua vita, e ha bisogno di sfogare la propria delusione su chi le sta vicino e che sa di poter manipolare con relativa facilità: lei e suo padre. Da quanto ha scritto nella prima lettera, suo padre è un uomo depresso e non escludo che sia una pedina duttile, nelle sue mani – potrei ovviamente sbagliarmi. Anche lei è sempre stata arrendevole quanto bastava perché sua madre fosse soddisfatta del suo gioco e traesse un certo appagamento dal mortificarla. Ora, non posso conoscere nel dettaglio il motivo di questo rapporto insano, ma vedo che la danneggia, e mi sembra di capire che faccia male anche a suo figlio. Se sono stati i suoi genitori a parlar male di lei al bambino, faccia in modo di essere sempre presente, durante i loro incontri. E se qualcuno osasse parlar male di lei, in sua presenza, si difenda. Non è necessario urlare, basta essere fermi e decisi. Se necessario, porti via il piccolo per evitare che ascolti cattiverie su di lei.

La meschinità di sua cognata si può arginare anche per vie legali. La diffamazione è un reato punibile, in Italia, e lei può farle inviare una diffida da un avvocato: se continuasse a infangare il suo nome, accusandola della fine del suo matrimonio davanti a un minore – suo figlio -, potrebbe intervenire secondo la legge. Senta un avvocato, per capire qual è il suo potenziale margine di azione e per mettere a tacere i pettegolezzi dei Vermilingui.

Quanto al fatto che ha rivelato al bambino i motivi della separazione dal suo ex marito, potrebbe essere un bene, se i toni si sono mantenuti neutri, senza accuse nei confronti di un uomo che il piccolo dovrebbe poter continuare a stimare e ad amare. Una spiegazione tranquilla, che faccia capire al bambino che papà ora ha un’altra vita e anche lei sta cercando di costruirsene un’altra, potrebbe essere recepita nel modo corretto. Si tratta comunque di un terreno molto delicato e la bufera che la circonda con le rende le cose più facili. Come ha reagito il piccolo, alla sua spiegazione? Si è arrabbiato, ha pianto, si è opposto, o ha compreso? Cos’ha detto quando ha dichiarato che vorrebbe un uomo che la faccia sentire amata? Il piccolo ha conosciuto il suo nuovo compagno, e se sì, come sono i rapporti, fra loro?

Se può, stia lontana da chi vuole solo ferirla e non si lasci condizionare dalle chiacchiere che girano su di lei. Si preoccupi di tutelare il suo bambino e pensi che fra qualche mese sarà libera, non solo da suo marito, ma anche di poter vivere serenamente la sua nuova storia d’amore.

Buona serata!