Avatar photo

Ciao, Enrico. Spesso fra ragazzi ci si prende in giro in modo infantile, e a volte anche un po’ cattivo, nell’illusione di darsi un tono o di sembrare simpatici. È una cosa normale. Posso però capire che, quando si toccano determinati argomenti, alcune parole e alcuni gesti possano ferire.
Te la prendi solo per i commenti del tuo compagno o anche quando altri – genitori, parenti, amici – ti riprendono? Te lo chiedo perché ho la sensazione che tu abbia sempre il timore di sbagliare, di comportarti in modo inopportuno, e il richiamo del tuo compagno di banco smuove in te il dubbio di essere una persona che non dovresti o non vorresti essere. Non ti conosco di persona e non so se tu sia un bullo oppure no – e spero proprio di no! Perché il tuo compagno ti “accusa” di esserlo? Solo per scherzare, perché sa che di provocarti, o in fondo tu stesso temi di comportarti in modo sbagliato? Se il rimprovero del tuo amico ti turba e sai di aver ecceduto, nel tuo modo di relazionarti con i compagni, il tuo disagio è un chiaro segnale che stai lanciando a te stesso per suggerirti di cambiare. Se invece non ti comporti da bullo, potresti avere la paura di essere bollato come un individuo prepotente e spregevole, ed è questo a crearti tanta ansia. Ora, anche se non sei arrogante e violento, può darsi che il tuo compagno interpreti male – o in modo eccessivo – i tuoi gesti e le tue parole, anche per motivi indipendenti da te. Prova a smussare i tuoi comportamenti, può darsi che lui la smetta di lanciarti frecciatine pungenti.
In ogni caso, la prima domanda che devi porti è: c’è qualcosa di vero, in quello che mi dice? Se sì, solo tu puoi cambiare per essere visto e considerato come desideri. Se non c’è nulla di vero, invece, può darsi che il tuo amico ti stia solo provocando in modo un po’ sciocco, credendo di essere divertente. In questo caso, potresti chiedergli, con tranquillità, senza mostrargli i tuoi timori: «Ma davvero mi consideri così? Se sì, perché?».
Ti sconsiglio di reagire con rabbia, per evitare che quello che adesso è un gioco possa diventare un tormento mirato.
Buona serata!