Mi scusi dotto.ssa se torno a scriverLe ma in questi giorni mi sento veramente trascinato verso il baratro. Sto affogando in un’ipocondria galoppante, e il problema di questa ragazza mi sta devastando. Avevo seguito il suo consiglio cercando di non scriverle, ma l’altro giorno lei mi ha inviato un messaggio e ho ceduto rispondendole, così ieri sera ci sono uscito ma come immaginerà ennesima delusione e sono ritornato nel tunnel. Ho iniziato a sognarla anche di notte poi, stanotte mi sono svegliato diverse volte perche’ continuavo a sognarla e questo contribuisce a turbarmi. Tra poco rinizia la scuola, io sono sempre andato benissimo ma in questo periodo non mi sento la forza, tra l’altro in classe ho gente che credevo amica e che invece dopo tutto quello che avevo fatto per aiutarla ho scoperto parlarmi male alle spalle. Mi sento davvero logorato. Quando mi alzo la mattina sono turbato, l’ipocondria mi divora, mi sento malato anche se i medici dicono che non ho nulla. Ma cosa ancora peggiore e’ che nessuno intorno a me riesce a cogliere la mia sofferenza, ci scherzano ma in realtà io soffro veramente. Mi sento veramente a terra, in questi giorni stavo meglio ma ho come l’impressione che ogni volta che cerco di rialzarmi la vita mi rispedisce dieci passi piu’ indietro di quanto non fossi stato prima. Spero di iniziare al più’ presto il percorso di psicoterapia perche non ce la facci davvero piu’. La prego mi dia qualche consiglio, Lei che pensa? Mi scusi lo sfogo ma non so dove cercare un conforto che mi comprenda realmente. Grazie davvero!