Questo argomento contiene 2 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da dr.ssa Francesca Chiara Pellini Dr. Francesca Chiara Pellini 1 settimana, 2 giorni fa.

Terrore di restare incinta

    Buonasera, vorrei ricevere qualche consiglio da voi, la mia ragazza e terrorizzata dalla paura di restare incinta, anche se non facciamo sesso vero e proprio ma basta anche solo i preliminari, e nel momento di fare sesso si blocca. Siamo insieme circa da tre anni, e da allora le consiglio di andare da una psicologa per affrontare il problema, ma lei dice sempre che tanto non la può aiutare nessuno. Ho paura che questa situazione possa rovinare la nostra storia.
    Le sue paure sono dovute ad un trauma subito all’età di 17 anni, quando insieme a un altro ragazzo restò incinta,lei purtroppo dovette abortire e da parte della sua famiglia in quel momento e per un periodo fu vista con un occhio diverso, fu trattata come una poco di buono e fu messa da parte dai genitori. Oggi lei ancora si porta dietro questo problema che io vorrei farle affrontare con l’aiuto di una psicologa. Cerco di aiutarla ma a volte si finisce per discutere perché lei diventa testarda e insiste di avere ragione… attualmente non riusciamo a fare sesso e anche se la sfioro solo con un dito il giorno dopo le vengono i complessi che è rimasta incinta, tutto questo va avanti finché non arriva il suo ciclo mestruale. Poi riproviamo a fare sesso sapendo che poi le torna di nuovo la paura finché non le torna il ciclo…
    Cosa possiamo fare? come posso aiutarla?
    Spero che mi possiate dare qualche consiglio,
    Vi ringrazio anticipatamente

    Risposta
    dr.ssa Francesca Chiara Pellini

    Buongiorno, secondo il mio parere la sua compagna e voi come coppia avreste bisogno di tre accorgimenti:
    Parlare molto tra voi di come reagireste entrambi, nel caso di una nuova gravidanza, se la sua compagna, ad esempio, sapesse che Lei accoglierebbe il bambino con gioia si sentirebbe molto rassicurata.
    Un approccio assai graduale al sesso, che cominci da coccole e carezze, senza forzare i tempi, ma aspettando che la ragazza sia pronta al rapporto, in questo senso un sessuologo potrebbe aiutarvi entrambi, con esercizi di coppia, per rafforzare l’intimità e la vicinanza corporea reciproca.
    Una terapia individuale per far superare alla sua compagna il trauma dell’aborto precedente.
    In bocca al lupo, mi riscriva se ha bisogno
    Distinti Saluti
    Dr. Francesca Chiara Pellini

    Risposta
    dr.ssa Francesca Chiara Pellini
    Dr. Francesca Chiara Pellini

    Buongiorno, in questi casi occorre molta pazienza, farla riavvicinare al sesso gradualmente, attraverso coccole, giochi sessuali, baci, ma che non comportino il rapporto vero e proprio, aggiungerei una psicoterapia individuale per la ragazza, per elaborare il trauma dell’aborto ed un pacchetto di sedute di coppia da un sessuologo, per riappropriarsi gradualmente dei reciproci corpi, attraverso giochi guidati, come coppia.
    Mi domando inoltre se voi due abbiate mai parlato di come reagirebbe di fronte ad un’eventuale gravidanza imprevista, se terreste il nascituro, considerate le paure della sua partner mi sembra sia molto importante affrontare serenamente insieme il discorso in un momento di calma.

    Distinti Saluti
    Dr. Francesca Chiara Pellini

    Risposta
Rispondi a: Terrore di restare incinta
Le tue informazioni:





<a href="" title="" rel="" target=""> <blockquote cite=""> <code> <pre> <em> <strong> <del datetime=""> <ul> <ol start=""> <li> <img src="" border="" alt="" height="" width="">

Risposta