Questo argomento contiene 1 risposta, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da Staff Staff 3 anni, 11 mesi fa.

Senza l'appoggio della famiglia. Senza uno scopo.

    CARO DOTTORE

    MI CHIAMO ANDREA HO 23 ANNI SONO UN UOMO. VENGO DA UNA SITUAZIONE FAMIGLIARE TRAGICA E CREDO CHE SIA LA CAUSA DI TUTTO.

    MI CONSIDERO UNA PERSONA CHE RAGIONA E CHE USA IL CERVELLO NONOSTANTE I MIE GENITORI NoN ABBIANO MAI INVESTITO SULLA MIA FORMAZIONE. HO LA TERZA MEDIA E PER ME E’ QUASI IMPOSSIBILE TROVARE UN LAVORO PER LA CRISI. NoN HO ESPERIENZA O TITOLO DI STUDIO. HO PROVATO TUTTI I LAVORI “UMILI” E SONO ASSOLUTAMENTE ORRENDI E DOPO 2 MESI RISCHI DI SUICIDARTI. PURTROPPO NON SONO MAI STATO AMATO QUANDO ERO RAGAZZO ED ORA MI TROVO AD ACCUSARE QUALSIASI COSA IN QUESTO MONDO. DEVI ESSERE SPIETATO EGOISTA ED IO NON LO SONO, NON MI VENDEREI MAI PER SOLDI, TANTOMENO FAREI DEL MALE A QUALCUNO.

    NONOSTANTE LA VITA NON VITA CHE HO FATTO, QUANDO HO COMPIUTO 19 ANNI HO DECISO DI MOLLARE LA MIA FAMIGLIA E I MIEI AMICI, PERCHE’ CON LA MAGGIORE ETA’ MI SONO ACCORTO CHE NESSUNO DI LORO POTEVA O VOLEVA AIUTARMI. TUTTI PENSAVANO SOLO AI LORO INTERESSI.

    PENSO CHE FAMIGLIE COME LE MIE ANDREBBERO DENUNCIATE MA OGNI VOLTA CHE NE PARLO CON QUALCUNO A NESSUNO INTERESSA FARE NULLA ED IO NON ME LA SENTO DI AFFRONTARLI QUINDI PROBABILMENTE NoN LI VEDRO’ MAI PIU. A LORO NON E MAI INTERESSATO COSA SAREI ANDATO A FARE, L’IMPORTANTE CHE A 18 ANNI ME NE ANDAVO E COSI E’ STATO .

    SONO ANDATO A GENOVA, HO TROVATO UN LAVORO CHE DOPO 2 MESI HO LASCIATO PERCHE’ MI VOLEVANO METTERMI SOTTO ED IO COME MOLTE PERSONE POVERE MI ATTACCO A QUELL CHE HO: LA DIGNITA’. NoN PER SOLDI NE’ PER AMORE RIESCO A FAR FINTA DI ESSERE UNA PERSONA DIVERSA DA QUELLA CHE SONO. NON MI SENTO IDONEO, NON MI SENTO UGUALE AGLI ALTRI. PENSO CHE CON IL FATTO CHE NN SONO MAI STATO AMATO HO SVILUPPATO UNA SENSIBILITA CHE MI PERMETTE DI SCRIVERE CANZONI. IL SOGNO E FARE IL CANTAUTORE

    TI SCRIVO PERCHE SONO AL LIMITE HO L’ANSIA, STO MALE SONO INGRASSATO, A GENOVA HO FATTO UN ANNO DI SERALI DA SOLO MA ERA RIDICOLO AVEVAMO UNA CLASSE DI 70 PERSONE ERA UN CASINO NON SI POTEVA STUDIARE IN PIU ALCUNI PROFESSORI NoN INTERESSAVA. ALCUNI SEMPRE IN RITARDO ALCUNI TI DAVANO DA STUDIARE COSE E POI TI CHIEDEVANO ALTRO. AVREI CONTINUATO FINO AL DIPLOMA FINCHE POI HO TROVATO UN LAVORO E IN CONCORDANZA CON IL MIO DATORE DI LAVORO HO DECISO DI LASCIARE LA SCUOLA PER DEDICARMI AL 100 PER 100 AL LAVORO. DOPO 2 MESI MI HA LICENZIATO MI HA DETTO CHE MI MANCAVA L APPROCCIO ALLA VITA AL LAVORO CHE DOVEVANO INSEGNARMI I MIEI GENITORI E LUI NN POTEVA FARCI NIENTE E ANCHE PERCHE PENSAVANO CHE ERO STRANO PERCHE NoN PARLO DI CAVOLATE TUTTO IL GIORNO COME FANNO LORO. A VOLTE SORRIDO MA NN RIESCO ESSERE FELICE LAVORANDO PER SOLDI E NON PER PASSIONE NON RIESCO A FAR FINTA.

    DOPO INSIEME AD UNA PERSONA ABBIAMO DECISO DI IMMIGRARE PESSIMA SCELTA SIAMO ANDATI A LONDRA CITTA CAPITALISTA D ECEZZIONE. LI DAVVERO DEVI SOPPORTARE DI TUTTO E STARE SEMPRE CON IL SORRISO POI SENZA ESPERIENZA NoN TI PRENDONO A LAVORARE. LI DEVI IMPLORARE. POI SONO ANDATO IN SCOZIA 1 ANNO E PASSATO E NoN HO CONCLUSO NIENTE HO LAVORATO DI NOTTE IN FABBRICA E IN TANTO FACEVO IL CORSO PER SECURITY. DOVEVANO DARMI IL LAVORO E DOPO 2 MESI DI CORSO SUPERANDO IL TEST MI HANNO CHIESTO DEI DOCUMENTI CHE LA MIA FAMIGLIA DOVREBBE  AVERE SICURAMENTE. LI HANNO BUTTATI COSI HO LASCIATO IL LAVORO IN FABBRICA PERCHE ERA DEPRIMENTE E UMILIANTE: ERO L UNICO ITALIANO VENIVANO TUTTI DAL EST. FACEVANO I SOLDI POI TORNAVANO AL LORO PAESE A STUDIARE IO NoN AVEVO MOTIVAZIONI NoN LAVORO PER MANGIARE E PAGARE L AFITTO DEVE AVERE UN SENSO FARE SACRIFICI DEVI AVERE UN SECONDO OBBIETTIVO SE NO E INUTILE.

    HO FATTO 9 APPLICAZIONI PER STUDIARE IN SCOZIA ANCHE PER UN SEMPLICE CORSO D INGLESE NIENTE DA FARE. HO FATTO 2 INTERVISTE E PASSATO UN ANNO E ANCORA NoN MI VOGLIONO FAR STUDIARE. NN HO AMICI NoN HO SOLDI NoN HO FAMIGLIA. L ‘UNICA COSA CHE HO E IL COMPUTER. VIVO IN UNA STANZA CON UNA DONNA CHE MI ODIA PERCHE E STANCA DI MANTENERMI E VUOLE CHE ME NE VADO L UNICO POSTO DOVE FORSE MI VOGLIONO E CASA DI MIA SORELLA MA E’ PAZZA COMPLETAMENTE AL CONTRARIO DI ME. NON MI PUO CAPIRE O AIUTARE POI HA PURE UN BAMBINO. IL COMPAGNO MI AMMAZZA SUBITO PER DIRE.

    NON RIESCO A SOPPORTARE NESSUNO MI SONO SEMPRE MESSO DA PARTE PER PROBLEMI PIU GRANDI CHE CERANO NELLA MIA FAMIGLIA ED ORA SONO TROPPO GRANDE E MI DEVO ARRANGIARE, MA COME FUNZIONA HO BISOGNO DI AIUTO VERO PER FAVORE AIUTAMI DEI CONSIGLI. NoN CONSIGLIARMI DI ANDARE DA UN SPECIALISTA. NoN HO I SOLDI. ASPETTO RISPOSTA NOTTE E GIORNO A PRESTO

    Risposta
    Staff

    Gentile Andrea, ha senz’altro avuto una vita difficile e capisco il suo attuale bisogno di riscatto. Il problema del lavoro è purtroppo dilagante ed è richiesto un minimo di flessibilità, in un momento così difficile. Certo, un conto è sapersi adattare, un altro è accettare qualunque cosa, a prezzo della propria dignità. In ogni caso, se riuscisse a trovare un’occupazione decente, le consiglio di non lasciarla, di usarla come strumento per mantenersi mentre raffina la lingua inglese e magari apprende qualcosa di nuovo che possa dare maggior valore al suo curriculum. Si prefigga un obiettivo concreto e cerchi di realizzarlo. Non miri subito troppo in alto, altrimenti rischia di mancare il bersaglio. Ha uno o più sogni da realizzare? Qual è/quali sono? Cosa le serve per provare a raggiungerne uno? Si scala la montagna sempre passo dopo passo, mai con un solo salto.

    Buona serata!

    Risposta
Rispondi a: Senza l'appoggio della famiglia. Senza uno scopo.
Le tue informazioni:





<a href="" title="" rel="" target=""> <blockquote cite=""> <code> <pre> <em> <strong> <del datetime=""> <ul> <ol start=""> <li> <img src="" border="" alt="" height="" width="">

Risposta