Questo argomento contiene 1 risposta, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da dr. Federico Baranzini dr. Federico Baranzini 4 anni, 11 mesi fa.

Ho rubato e non so come chiedere perdono

    Buongiorno a tutti,

    quasi un anno fa ho cominciato a sottrarre soldi alla cugina della mia ragazza perché ero in cattive acque. Investimenti sbagliati e perdita di soldi personali fino a 10.000 euro. La cosa è stata ripetitiva, ma è durata poco. Prendevo i soldi dalla borsa in uno sgabuzzino facendo finta di andare al bagno. Lei però ha cominciato a notare che i soldi mancavano e ne metteva apposta altri in borsa per farmi cadere, finché un giorno non hanno piazzato una telecamera in questo sgabuzzino che ha ripreso tutto. Una sera mi hanno parlato dicendomi che avevano visto il video ed erano rimasti scioccati. Io ho cercato di giustificare il gesto, ma loro hanno deciso di non denunciarmi e di tagliare con me. Io l’ho dovuto dire alla mia compagna con la quale sto da 14 anni e ovviamente le cose sono precipitate. Intanto ho chiesto scusa alla cugina e alle altre persone coinvolte, restituendo subito tutti i soldi. Ora vorrei cercare di riavvicinarli, parlando in particorlar modo con lei per chiarire e chiedere perdono. Non so se è ancora troppo presto e vorrei pertanto un suggerimento in tal senso. Cosa posso fare? In che modo posso muovermi per parlare chiaramente con loro e non bruciarmi questa occasione. Io mi sono pentito fin da subito della cosa e sono tutt’ora molto pentito; non mi era mai successo prima d’ora e non succederà più, però è chiaro che ho bisogno di un aiuto per sistemare la cosa. Di un sostegno psicologico. Ora non ho il coraggio di avvicinarli, ma so che devo trovarlo. Non voglio perdere la mia compagna e vorrei uscire da questo incubo.
    Con la mia ragazza stiamo cercando di lavorarci su, ma non è facile; ogni volta l’episodio ritorna e si discute.
    Cercate di rispondermi al più presto.
    Chiedo il vostro aiuto.
    Ho bisogno di uscirne.
    Grazie

    Risposta
    dr. Federico Baranzini

    Buongiorno,

    rubare soldi in famiglia, diciamo così, non è un buon segno. Intendo dire clinicamente parlando, non moralmente parlando; aspetto per il quale lascio a lei la valutazione. Intanto ci sarebbe da capire meglio come ha perso i soldi che ha perso: ci sono motivi che rendono difficile parlarne per vergogna e onta come nel caso delle macchinette mangiasoldi. Ma in generale il non trovare il coraggio di chiedere aiuto pone sempre la persona in guai ben peggiori e la sua richiesta di aiuto lo sta a dimostrare.

    Chi si indebita per gioco, vizio o per attività collaterali è più facile che cerchi di recuperare con modalità non del tutto lecite. La spinta a spendere e rischiare soldi inoculatamente è la stessa che poi fa fare cose insulse per cercare di recuperare.

    Forse aveva proprio bisogno di essere registrato da una telecamera per essere fermato e così essere aiutato a comprendere la reale portata del suo gesto… e aggiungo io (come ipotesi su cui riflettere e non come diagnosi) della sua incapacità di gestire l’impulsività?

    Credo che se con la sua ragazza ancora non va bene, questo sia da imputare al fatto che la cosa sotto sotto non è affatto passata, non è stata metabolizzata: la sua ragazza forse non sente una suo autentico pentimento o forse non riesce più a vederla come prima per cui sarà necessario un lungo lavoro di ricostruzione della fiducia e di comprensione del motivo per cui ha fatto quello che ha fatto.

    Cordiali saluti

    Risposta
Rispondi a: Ho rubato e non so come chiedere perdono
Le tue informazioni:





<a href="" title="" rel="" target=""> <blockquote cite=""> <code> <pre> <em> <strong> <del datetime=""> <ul> <ol start=""> <li> <img src="" border="" alt="" height="" width="">

Risposta