Questo argomento contiene 1 risposta, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da Dr.ssa Federica Serafini Dr.ssa Federica Serafini 1 anno, 3 mesi fa.

Sono indecisa su tutto… anche sulle mie preferenze sessuali!

    Nevrosi, insicurezza, musica

    Salve dottori e grazie in anticipo per l’attenzione. Sto attraversando un periodo della mia vita molto strano. In fondo, tutti lo sono sempre un po’ stati.
    Però attraverso una fase in cui analizzo perennemente ogni mio pensiero ed azione, e ho paura di andare in tilt. Cerco di trovare un senso ai miei comportamenti, vorrei trovarne anche uno per vivere e non ci sono mai veramente riuscita.
    Ho paura, seriamente paura di diventare ancora più triste di così e di sparire.
    Mi capita spesso di pensare di morire, temo che se avessi qualcuno dalla mia parte lo farei.
    Sono una ragazza molto paranoica da sempre in eterno conflitto con sé.
    Ho sempre avuto difficoltà a comprendermi, sono più le volte in cui faccio azioni per me senza senso che altro.
    In ogni ambito della vita ho grosse difficoltà, rese tali dalla mia personalità molto ambigua e da cose che considero miei handicap.
    Non so fidarmi, specialmente di me stessa, ho problemi gravi di concentrazione (devo controllare mille volte una cosa per assicurarmi che sia giusta, mi dimentico cose lette, sentite, pensate un secondo prima, anche importanti per me. Infine, pongo un’attenzione eccessiva a suoni e rumori. A volte mi succede di ascoltare con difficoltà le persone che mi parlano) e di memoria (non so le strade dei luoghi sempre frequentati, dimentico la collocazione di oggetti che uso sempre, a lavoro è una tragedia quando devo procedere in un determinato ordine e ricordare cifre e lettere. Tendo a segnare sugli appunti, anche quando penso, le cose secondo me più importanti per paura di dimenticare).

    Cambio molto durante il giorno, i miei pensieri entrano in crisi e si confutano l’un l’altro.
    Provo grande sfiducia in me stessa e mi vergogno di essere così come sono. La gente non mi capisce e nemmeno io mi capisco, e mi dispiace non poterli biasimare.
    Non so cosa penso, cosa mi piace, cosa provo.
    Credo di trovare insensato il mondo, insensata la società, insensati, vuoti e finti i rapporti.
    Tutti i miei rapporti vanno prima o poi in fumo a causa del mio essere instabile.

    In amicizia ho spesso amici tanto, troppo diversi tra loro. A volte ho l’impressione che ogni tipo di persona faccia comodo ad una ed una sola parte di me.
    In amore non so amare, e smetto di volere chiunque.
    Ho avuto solo una storia importante e durata la bellezza di tre anni.
    Sin da subito ho idealizzato la relazione fingendo a me stessa, illudendomi di stare bene.
    Sono diventata ben presto dipendente da questa relazione che non mi rendeva soddisfatta. Provavo odio e amore, ma la cosa che più ricordo – anche in altre relazioni – è il mio senso di colpa per non saper amare. A volte avrei pagato per saper provare qualcosa di costante.
    Io mi innamoro in un attimo di ogni cosa, poi il sogno finisce e la gente, i brani, i paesaggi vogliono restare.
    Io invece no, vado via e dimentico cosa ho provato.
    Sto arrivando a diventare piuttosto apatica, non accetto di provare sentimenti che diventano indifferenza, specialmente quando di mezzo ci vanno altre persone!

    Sessualmente ho sempre avuto problemi ad identificarmi. Ho sempre avuto una grande curiosità e sempre amate più le donne degli uomini. Ciò nonostante non so scegliere. A periodi amo più le donne, in altri momenti gli uomini. Non so da cosa dipenda, non so cosa ne sarà di una persona così indecisa e incapace.

    Ultimamente ho smesso di pensare al futuro, anche se non del tutto, perché mi causa troppa ansia. Stavo mandando avanti il mio sogno di musicista. So suonare diversi strumenti e canto, mi considerano in molti talentuosa per l’orecchio assoluto e per la mia sensibilità, ma è come se tutto quello che mi dicono passasse subito in secondo piano. Mi sento quasi triste perché non so accogliere quelle che dovrebbero essere motivanti spinte verso un sogno che potrei realizzare.
    Sento di aver lottato troppo, i miei mi hanno stroncata perché mi hanno sempre creato problemi per la musica (in realtà me li hanno sempre creati per ogni cosa).
    Passo le mie giornate andando a lavoro solo la mattina, tornare a casa e stare tutto il tempo restante sul divano. Prima studiavo musica e componevo. Quando esco, bevo molto e fumo, per evadere.
    Amo farlo, bere e fumare mi fanno illudere di poter credere di essere felice. Ovviamente non è così, infatti quando sono “sobria” tutto torna scontato, banale e terribilmente doloroso.

    Risposta
    Dr.ssa Federica Serafini

    Cara Federica,
    Spero che il suo sfogo sia servito a farle decidere di chiedere un aiuto reale e pratico ad un professionista…
    Un terapeuta potrebbe sostenerla in questa ricerca ad ampio spettro di se stessa e della sua identitá… La vita è meravigliosa e spero che lei possa trovare la spinta per viverla!
    Dott.ssa Federica Serafini

    Risposta
Rispondi a: Sono indecisa su tutto… anche sulle mie preferenze sessuali!
Le tue informazioni:





<a href="" title="" rel="" target=""> <blockquote cite=""> <code> <pre> <em> <strong> <del datetime=""> <ul> <ol start=""> <li> <img src="" border="" alt="" height="" width="">

Risposta